ANDRÉS MARIN

 

08-ad-libitum_klaus-handner_ 

Andrés Marin – “Ad libitum”

O come mi sono liberato dalle mie catene

Direzione artistica • Andrés Marín
Direzione musicale • Andrés Marín, Salvador Gutiérrez
Coreografie • Andrés Marín
Danza • Andrés Marín
Ospite speciale al canto • Segundo Falcón
Chitarra • Salvador Gutiérrez

__________________________________________

Andrés Marín ha sempre mostrato un profondo rispetto per la tradizione, in particolare per il canto, che considera la spina dorsale del flamenco. Ma insiste ripetutamente che limitarsi all’imitazione ingenua o alla riproduzione meccanica significa rimuovere l’essenza di ogni espressione artistica e, in definitiva, mancare di rispetto alla cosa in cui credi di servire. Il suo flamenco esiste in quel fragile interstizio tra la norma e la sua trasgressione. In tutti i suoi spettacoli, Andrés Marín ha sviluppato il più singolare universo personale, basato su una danza che esegue a partire da una visione del mondo a bordo, dalle ferite che ora espone senza esitazione, proprio mentre espone il suo corpo quasi nudo. Ora sembra che Andrés Marín abbia fatto un altro passo in questa direzione verso la libertà, osando tutto senza limiti. Lui, che ha sempre considerato il flamenco cantando con ammirazione e umiltà, osa cantare e lo fa molto bene. Il suo recente lavoro con Bartabas o Kader Attou lo ha portato a mettere continuamente in discussione la sua danza. La profonda comprensione di tutte le sfumature di questa complessa arte del flamenco è alimentata da questi incontri che stimolano la sua prassi e talvolta sono come risposte a domande che non si è ancora posto. Per Andrés Marín, “Ad libitum” balla al ritmo della propria volontà, del tutto sfrenato, dalla totale libertà, un’improvvisazione soggiogata. E, soprattutto, dandosi pienamente al momento, al luogo, all’altro, se questo si trova sul palco o tra il pubblico. Il coreografo lascia parlare il suo corpo, un corpo che ha tanto da dire e lo possiede, spezzando le catene della ragione. Rimandare alle compulsioni di questo corpo e portarlo in un dialogo con i sedimenti ereditati e assimilati che sono le basi di una conoscenza pazientemente memorizzata del flamenco. Andrés Marín ha imparato a disimparare e ha capito cosa stava dicendo Antonio Machado quando ha scritto “Caminante no hay camino, se hace camino al andar” (Viaggiatore, non c’è sentiero, il sentiero è fatto camminando). Questo è il concetto alla base del suo nuovo spettacolo: costruire davanti a noi un percorso sul quale ci invita a penetrare nelle profondità del seguiriya o del ritmo della bulería, offrendoci la sua danza come un atto di libertà.

• VIDEO • 

Andrés Marín è oggi uno degli artisti più importanti del flamenco. Le sue produzioni sono incentrate sul flamenco tradizionale e, in particolare, sul canto classico del flamenco (cante); non da una prospettiva convenzionale, ma attraverso una visione personale radicale e uno stile assolutamente contemporaneo. La sua danza è considerata una delle più innovative nella danza del flamenco. Figlio di artisti di flamenco, Andrés Marín è nato a Siviglia nel 1969. Sebbene abbia iniziato a ballare da bambino insieme al padre, Marín è un ballerino autodidatta. Ha debuttato professionalmente nel 1992 e ha lavorato come artista ospite e coreografo in varie compagnie e spettacoli fino alla formazione della sua compagnia nel 2002. “Más Allá del Tiempo”, il primo spettacolo della Compagnia Andrés Marin, ha debuttato nella Maison de la Dansein Lione e completato più di sessanta spettacoli in diversi paesi, tra cui sedi prestigiosissime quali la XII Bienal de Flamenco di Siviglia, il Théâtre de la Ville a Parigi, il Festival di Jerez, l’Opera di Lille e il New World Flamenco Festival di Los Angeles. Ha partecipato al festival ““¡Mira! al Teatro Nazionale di Tolosa e in “Dance Celebration”, un galà di danza dal vivo che ha visto presenti coreografi come Jiri Kylian, Bill T. Jones e Montalvo, in onda per Art Channel della Maison de la Danse di Lione. Ho condotto workshop di danza per il Balletto Nazionale spagnolo e la Compagnia di danza andalusa. Nel 2004 “Asimmetrie” hanno debuttato con grande successo nel quadro della XIII Biennale di Flamenco a Siviglia. Ancora una volta lo spettacolo è stato ricevuto da alcuni dei più importanti teatri europei a Londra, tra cui Sadler’s Wells, il Théâtre de la Ville di Parigi, la Maison de la Danse di Lione, e l’Opera Nazionale Lettone di Riga. “Asimmetrie” è stato presentato al Festival de Jerez e al Flamenco Festival di Barcellona, Helsinki, Monterrey, Albuquerque, Dusseldorf e Amburgo. Marín ha collaborato con l’artista andaluso Pilar Albarracín nel video “I Will Dance on Your Grave”, esposto nella Reales Atarazanas di Siviglia. Il 7 ottobre 2006 Marin ha presentato “El Alba del Último Día” alla XIV Bienal de Flamenco di Siviglia, uno spettacolo che è stato acclamato dalla stampa come una delle migliori proposte della Biennale. Marin è stato nominato miglior ballerino maschile della Biennale dal quotidiano Diario de Sevilla. Nel 2007 lo spettacolo è stato presentato al XVII Festival Flamenco di Nimes, nella decima edizione del Flamenco Viene del Sur a Granada e Malaga e nel Festival del Flamenco di Monterrey, tra gli altri eventi. Durante l’estate dello stesso anno Marin ha interpretato Lorca in “Poet in New York”, una produzione del Centro Andaluz de Danza sotto la direzione di Blanca Li per l’8 ° edizione di “Lorca y Granada en los Jardines del Generalife” (Alhambra) con 38 spettacoli e 55.000 spettatori. La sua partecipazione gli è valsa una nomination come Migliore interpretazione maschile nella danza ai Premios Max. Nel 2008 la compagnia è stata in tournée con lo spettacolo “El Alba del Último Día” in Olanda e Francia, tra cui l’Opéra Comédie di Montpellier. In Spagna lo spettacolo è stato rappresentato nel XII Festival de Jerez e nella XXIV Jornadas Flamencas de Fuenlabrada a Madrid. A marzo Marín è stato invitato a partecipare a “Le Bal de la Rose”, un gala di beneficenza annuale organizzato dal Principato di Monaco e dedicato quest’anno al regista Pedro Almodóvar. Nel mese di aprile “Asimmetrie” è stato presentato al Teatro Campoamor come parte del Festival de Danza Oviedo 2008. Marin è poi tornato ad interpretare Lorca nello spettacolo “Poet in New York” per 10 spettacoli nel Teatro Chaillot a Parigi e per un’altra edizione della stagione estiva “Lorca y Granada en los Jardines del Generalife” (Alhambra). “El Cielo de tu Boca”, presentato per la prima volta alla XV Biennale di Flamenco a Siviglia, presenta Marín che balla con la musica creata dalle campane del compositore sperimentale Llorenç Barber. Il lavoro è stato scelto per inaugurare la 2a Biennale di Flamenco olandese, viaggiando in luoghi contemporanei come il Mercat de les Flors a Barcellona, i festival MiRA !, Montpellier Danse 2009 o il Festival Danse di Cannes in Francia. “El cielo de tu Boca” è stato presentato nella 12a edizione di Flamenco Viene del Sur a Granada e Málaga, nel Falla Theater di Cadice, nel 17º Festival de Nîmes e nella Sala Pleye. Frutto di questo fertile incontro tra Marín e Barber è “Somos Sonos”, uno spettacolo che esplora il territorio della performance, un dialogo aperto tra artisti, crudo e spogliato di artificio. Marín lascia il posto alla sua doppia passione, quella di innovare e di essere fedele alla tradizione allo stesso tempo, in “La Pasión Según Se Mire”. Lo spettacolo, con il contributo impeccabile degli artisti ospiti Lole Montoya, Concha Vargas e José de la Tomasa, è stato presentato in anteprima al 14 ° Festival de Jerez nel 2010 con grande successo. A seguito della sua presentazione alla 16a Biennale di Flamenco a Siviglia, “La Pasión Según Se Mire” è stato premiato con 2 premi Giraldillo. Nel 2011, il lavoro è stato presentato in location come il 18 ° Festival di Nîmes, la Maison des Arts de Créteil o il Lucent Danstheater. Prendendo come punto di partenza la libertà d’espressione che caratterizza la sua carriera, Andrés Marín presenta “Vanguardia Jonda” e “Op.24”. Due spettacoli intimi che fungono da laboratori creativi per l’artista e che sono stati presentati al Festival del Mont de Marsan, alla Bienal de la Danza a Lione e a Festival Paris Quartier D’Été. “TUÉTANO”, l’ultimo e più audace lavoro coreografico di Andrés Marín, è “un viaggio verso il profondo del nostro essere, per ritornare alla nostra natura più organica”. Trae ispirazione dai testi surrealistici del poeta Antonin Artaud e fa appello ai talenti viscerali degli artisti ospiti Concha Vargas e La Macanita. Coprodotto e presentato in anteprima al Festival di Montpellier Danse 2012 in Francia, “Marrow” è-stato rappresentato in festival: come la Bienal de Flamenco de Sevilla, la Fira Mediterrània di Manresa. Il 2013 segna l’inizio di un periodo di straordinarie collaborazioni artistiche. Il coreografo e regista francese Bartabas, pioniere della combinazione di arte equestre, danza, musica e direttore del Teatro Equestre Zingaro di Parigi, invita Marin per co-creare lo spettacolo “Golgota”, un dialogo tra uomo, animale, danza e la musica silenziosa del compositore rinascimentale Tomas Luis de Victoria. “Golgota” godrà di oltre 100 spettacoli in programma dalla sua prima edizione nell’ottobre 2013 fino alla stagione 2015/2016. Questa non è l’unica esperienza di Marín al di fuori di un contesto tradizionale della sua arte. Convinto che il Flamenco è in grado pienamente di dialogare con altre forme d’arte, e in piena maturità artistica, ha unito le forze con il coreografo hip-hop Kader Attou – direttore del Centro Coreografico Nazionale di La Rochelle (Francia) – per un incontro tra Flamenco e danza moderna eseguita al Chaillot National Theatre il 26 giugno, insieme al duo Eva Yerbabuena + Carolyn Carlson, per il primo Flamenco Bienal di Parigi. È stato possibile anche vedere Marin in scena al Galà inaugurale del 19 ° Festival of World Sacred Music of Fez, con la presenza della famiglia reale marocchina in un’opera dal titolo “Love is My Religion”, un’evocazione poetica della musica e della danza dell’Andalusia. Oltre alla sua attività di ballerino e coreografo, Marín dirige Andrés Marín Flamenco Abierto, studio di danza e ufficio di produzione con sede a Siviglia.